Filippo Morandi, Epigramma al popolo dalmata

Authors: Morandi Filippo 
Opera: Philippus Ariminensis, Carmen ad Dalmatas (XXXVII)
Recipient: Bembo Bernardo 
Source: Ferrara, Biblioteca Comunale Ariostea, II 162, ff. 112v-113r
Language: Latino
Incipit: 
Dalmata quid melius fulvo dominante Leone?
Explicit: 
hii proceres quoniam cognita multa fides.
Keywords: domini veneziani
leone marciano
popolo dalmata
Regesto: 
Efferato alla pari del leone marciano, lo spietato dalmata, sprezzante del pericolo, non teme alcun combattimento; si compiace piuttosto dei corpi sanguinanti sul campo di battaglia, e dei momenti di bellicosità ('martia bella') . Paragonato a un drago crestato ('draco cristatus'), al contempo un forte marinaio e un valido soldato, è il decoro della naumachia veneziana. La Repubblica di Venezia ha da sempre 'detenuto il comando sulla Dalmazia, perché è ben nota la sua grande fedeltà'.
Lexicon index: arma
bellum
cognitus
cristatus
decus
dominans
domitor
draco
durus
feritas
ferus
fides
fortis
fulgur
fulvus
imperium
leo
martius
membrum
metuo
miles
monstrum
naumachia
procer
remex
sanguinolentus
seminex
Senatus
tergum
trinodis
Onomastic-Persons Index: Dalmati 
Giove 
Marte 
Name-Place Index: Dalmazia 
Note: 
- Sin dall'anno 1000, la Repubblica di Venezia acquisì sotto forma di protettorato alcuni territori in Dalmazia; il dominio veneziano nella cosiddetta Dalmazia Venezia ('Dalmatia Veneta') fu però completamente consolidato tra il 1409 e il 1420 quando la Serenissima iniziò ad esercitare il proprio controllo sull'intera area (ad eccezione della Repubblica di Ragusa) che rimase sotto il dominio veneziano per un periodo di 377 anni (1420–1797).
- Metro: distico elegiaco.
Responsible: Chiara Kravina (2023-07-27)
Last edit: 31-Jul-2023
Creation: 31-Jul-2023
item.fulltext: With Fulltext
item.grantfulltext: open